L’edizione 2019

Oltre 9.500 persone hanno partecipato all’edizione 2019 del Festival dei Diritti tenutasi dal 1 novembre al 20 dicembre e organizzata da CSV Lombardia Sud insieme a 186 associazioni nelle province di Cremona, Lodi, Mantova e PaviaPiù di 90 sono stati gli eventi in calendario fra spettacoli, mostre, incontri, presentazioni, film e documentari per immaginare i profili del nostro futuro e recuperare il diritto di viverlo.

“Futuro” era infatti il tema portante del Festival dei Diritti 2019, un’edizione che per la seconda volta e con successo crescente ha coinvolto l’intero territorio del Sud Lombardia dando vita a un percorso culturale capace anche di attivare le comunità locali per riflettere insieme e chiamare all’impegno su temi come sostenibilità, lotta agli sprechi e alle discriminazioni, diritti dei minori e dell’infanzia, giovani, generazioni in dialogo, migranti, salute, rivoluzioni digitali, impegno civile, giustizia e legalità, cultura, economia e molto altro ancora.

Questo Festival nasce nel 2008 su iniziativa del CSV Pavia come evento “contenitore” all’interno del quale far confluire diverse esperienze relative al tema scelto, con l’obiettivo di promuovere il valore educativo e formativo delle esperienze di cittadinanza attiva.

Cosa è il Festival

Il Festival dei Diritti è un contenitore di iniziative, nato nel 2008 su iniziativa del CSV di Pavia con l’obiettivo di promuovere la solidarietà e la cittadinanza attiva attraverso proposte culturali, fa­vorendo così la partecipazione delle persone alla vita della comunità locale e avvicinarle ai temi sociali e di attualità. Da contenitore di eventi nel tempo il Festival si è trasformato in laboratorio di idee e scambio di esperienze coinvolgendo la collettività in un percorso di consapevolezza e crescita culturale intorno al tema trattato, grazie al contributo di esperti e all’intreccio di saperi diversi.

Dal 2018, in seguito alla fusione dei quattro CSV di Cremona, Mantova, Lodi e Pavia, ha ampliato il suo raggio di azione e di animazione, coinvolgendo anche le altre province di competenza del nuovo CSV Lombardia Sud: Cremona, Lodi e Mantova.

Ogni edizione è dedicata ad un tema attorno al quale il CSV invita tutte le associazioni del territorio a proporre attività o idee per dare vita a spettacoli, conferenze, rassegne cinematografiche, mostre fotografiche, presentazioni di libri e molto altro.

Il Festival, frutto di preziose partnership e collaborazioni con molti soggetti dei nostri territori, associazioni ed Enti del Terzo Settore, reti di associazioni ed enti pubblici, vede la partecipazione di migliaia di persone tra il pubblico innescando nuove relazioni, spazi di riflessione condivisa, maggiore consapevolezza rispetto ai temi proposti. Cittadini, associazioni e istituzioni per il bene comune.

Come nasce il programma del festival

Le modalità di progettazione dell’evento vogliono essere il più possibile partecipate, per questo, ogni anno, il CSV invia a tutte le associazioni del territorio una lettera nella quale propone il tema, chiedendo alle stesse di proporre attività o idee. All’invito hanno risposto molte associazioni proponendo attività e iniziative importanti e significative rispetto al bisogno sociale, in grado di affrontare questa tematica da tanti punti di vista, diversi e ugualmente interessanti.